Main Page Sitemap

Top news

Fastweb offerte cellulari 5 euro

Cellulari, questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dellutente.Come indicato su questa pagina sono previsti sconti sul canone mensile per pastificio regal coloro che sono già clienti Sky.Cellulare incluso in tariffa: SuperMoney ti aiuta


Read more

Mondo artista codice sconto

Icodici sconto si compongono di un semplice codice alfanumerico che, quando si introduce nel quadretto equivalente del carrello della spesa, offre al cliente svariati tipi di sconto.Ehi viaggiatore, ecco un bel codice sconto Italo treno per linverno da cogliere al volo!Ehi viaggiatore, in cosa regalare per san valentino


Read more

Idee regalo ragazzo 14 anni

Avventura, questa è la parola dordine.Ovviamente, abbiamo pansato ai ragazzi e, se non sai proprio cosa regalare al prossimo diciottesimo compleanno, ecco qui una lista più o meno completa di idee regalo diverse per budget e interessi.Ora è il momento di rendere felice un vero nerd.Recatevi, quindi, presso


Read more

Premio campiello giovani michela murgia


Il novello conduttore tv, diversamente, ha preferito attenersi ad una narrazione più didascalica di Alberto Angela, però, cè già loriginale non senza una serie di deroghe autoreferenziali.
Poi, parlando di un antico documento firmato da Anna Maria Luisa de Medici, ecco la considerazione altisonante, pronunciata con lespressione impegnata di chi la sa lunga (o, almeno, ne è convinto Anche oggi abbiamo bisogno di leader che guardano al futuro.Per unora e mezza la parlantina di Renzi ha tenuto banco, ha attratto e stordito il telespettatore, il quale ha assistito ad un documentario nel complesso regali prima comunione bambina 2016 ben confezionato.Un connubio rispetto al quale, ogni tanto, veniva da chiedersi se il vero protagonista del documentario fosse Firenze o il divulgatore in erba.La prima puntata, in onda sabato scorso in prime time, ha dato prova della buona fattura del documentario, soprattutto nelle immagini scenografiche e nel montaggio che ha scandito con equilibrio i tempi del racconto.La Calunnia del Botticelli, opera custodita agli Uffizi, lex premier ha commentato: Potremmo definirlo il quadro delle Fake News, se dovessimo ragionare di oggi, perché questo tema è un tema che non riguarda soltanto la Firenze del 1495, ma anche il mondo politico di oggi.L ego ipertrofico, si sa, non gli manca e in questo caso tracima dal piccolo schermo.La narrazione è stata affidata unicamente a Matteo Renzi, il quale non ha mai ceduto la parola ad esperti o ospiti ma ha accentrato su di sé i ruoli di divulgatore, esperto darte, storico e dispensatore di riflessioni.Pur non essendo un campione di empatia, il politico ha comunque dimostrato di sapersela cavare davanti ad una telecamera che non sia quella di un talk show.Ma cè una sostanziale differenza.Ci saremmo aspettati che lex rottamatore presentasse la città toscana raccontando, con un taglio soggettivo, storie di personaggi magari sconosciuti ai più, ma legati al territorio e alla sua memoria storica (o attuale, perché no).Avvolto dalle meraviglie senza tempo del capoluogo toscano, Renzi si è calato nei panni del divulgatore e ha guidato il pubblico in alcuni luoghi significativi della città.Intensa, perché sorretta da unefficace sequenza di immagini, la pagina finale sulla strage di via dei Georgofili, con la declamazione (da parte di una voce fuori campo) della poesia della piccola Nadia, una delle vittime.Come accade in politica ormai da qualche tempo, anche in tv lesponente Pd non ha ottenuto un grande seguito : le due cose, peraltro, a nostro avviso non sono poi così scollegate.Firenze Secondo Me, il documentario da lui presentato sul Nove, lex rottamatore è risultato più convincente e sopportabile del suo alter ego politico, che ultimamente non se la sta cavando benissimo.La visita ai luoghi della città è stata infatti accompagnata da citazioni in stile renziano, da osservazioni e ricordi personali o da chiavi di lettura attinte dal terreno politico.Il, matteo Renzi divulgatore televisivo non è poi così diverso da quello politico: stessa parlantina, stessa indole affabulatoria, stessi giri di parole ad effetto.



Matteo Renzi, Firenze secondo me, la bellezza serve se ciascuno di noi accetta di mettersi in cammino contro la banalità, la mediocrità, lignoranza.

Sitemap